martedì 3 febbraio 2009

Il vino delle miniere

Stasera, apprestandomi a cucinare un bel bisteccone ho aperto la cantinetta per trovare un compagno da abbinare. Beh, mi sono ritrovato in mano una bottiglia di Rosso delle Miniere 2003 acquistata scorso Agosto direttamente in fattoria, Fattoria di Sorbaiano, a Montecatini Val di Cecina, insomma un Montescudaio Rosso doc. Ricordavo di averlo assaggiato ma non avevo memoria così, anche se non lo ritenevo proprio un matrimonio perfetto con la tagliata, la voglia di aprirlo ha avuto il sopravvento. Il nome deriva proprio dalla vecchia miniera di rame situata nei pressi, che ha dato il nome alla Montecatini poi divenuta anni dopo Montedison. E' stata una piacevole sopresa, prima al naso, non troppo persistente appena aperto poi però , pulito e gradevole: frutta matura - frutti di bosco - erbaceo leggero, speziato, nota di legno che si percepisce ma non invadente, il tutto confermato anzi ancor piu' apprezzato poi al gusto. Uvaggio particolare
(60%sangiovese-10%malvasia nera-30%cabernet franc), qui sul sito del produttore comununque immagine e scheda tecnica
http://www.fattoriasorbaiano.it/ita/vini/rossominiere.htm .
Prezzo se ben ricordo intorno ai 17€ , solito prezzo pressappoco visto anche tempo fa in enoteca in Prato. Certamente non un vino stratosfererico, un bel modo però di iniziare la settimana
ciao

2 commenti:

  1. Andrea Biagioni5 febbraio 2009 20:35

    Stratosferico no, però 92/100 Wine Spectator (il 2004). Scusa se è poco!

    Sicuramente, per quel che ne so, un vino molto...minerale

    RispondiElimina
  2. Grazie, bellissima questa recenzione!!!
    Daniela
    come posso contattarti?

    RispondiElimina

bei tempi...